Informazioni personali

La mia foto

Sono un autodidatta al 100x100, mi chiamo Lucio e sono Napoletano fin dalla nascita, la mia passione è fare dolci e lievitati e di dare e ricevere ricette in generale. Sono molto altruista mi piace dialogare con tutti, mi piace scherzare, mi piace mangiare, adesso non più di tanto, ma quando sto vicino ad un dolce che Dio mi assista. Amo tutta la musica, la cultura in generale e acculturarmi, amo la luce solare, amo il mare, amo stare in mezzo alla natura e fra la gente, odio la presuntuosità delle persone in generale divento come HULK! Non sono razzista nel modo più assoluto quindi non sono contro a chi è diverso in tutte le sue forme e categorie, odio chi lo è,  e chi sta contro di loro divento come SPIDER MAN! Non credo molto nell'amicizia tra un uomo è una donna non c'è ancora abbastanza cultura su questo argomento, sono contro a chi fa violenza sui i bambini, sulle donne, su gli anziani, su gli animali e chi è diverso divento come BATTMAN! Infine chi è gentile con me lo sono altrettanto è doppiamente! Con affetto e stima Babbà! 
"BUONA VITA A TUTTI"   

martedì 4 marzo 2014

"GALANI VENETI"...


PREFAZIONE
Da qualche mese sono passate le feste di Natale e già si avvicinano in quelle di carnevale ma prima di arrivarci c'è la festa di santo Annuono, dove si festeggia con grandi falò e fuochi d'artificio. In cima ad ogni falò mettono un pupazzo di pezza a figura di un vecchio per indicare che l'anno vecchio è andato via ed entrato quello nuovo. Ci si riunisce tutt'intorno, oltre per riscaldarci dal freddo, anche per pregare che il nuovo anno ci porti qualcosa di positivo. Spero che questa festa continui ad esserci e l'unico momento in cui, noi comuni mortali, ci riuniamo per stare vicini senza rancori e odio ma accomunati da un'unica soluzione: "LA PACE"! Voi vi direte: tu che sei Napoletano ci trascrivi una ricetta Veneta?Vi rispondo subito: non credo che essendo Napoletano non posso eseguire e trascrivere una ricetta di un'altra regione peccherei in una forma di egoismo e presunzione a dire che le ricette Napoletane sono le migliori, non mi trovate nel modo più assoluto anzi in futuro vi dimostrerò che metterò altre ricette di altre Regioni lo dico senza falsa eresia ma con la certezza più assoluta che anche voi blogger lo siete, nel dare è ricevere ricette, questo ci unisce e non ci divide perché se lo fosse saremo tutti presuntuosi, e a dire il vero le persone che lo sono con me non va proprio d'accordo!!! 
Ma torniamo a questa ricetta che a suo tempo la trovai in un libricino di ricette Regionali non so se è giusta, spero che i Veneti non me ne vogliano se non e giusta anzi spero che qualche follower veneto mi desse conferma della sua vera origine. Quando lo eseguita sono rimasto sbalordito dalla morbidezza e fragranza di questi "GALANI" e dalla leggerezza che hanno. Ho iniziato con questo connubio tra nord e sud proprio per abbinarci vicino il famoso sanguinaccio napoletano, senza sangue, che in seguito darò la ricetta, credo che c'è da leccarsi i baffi....parola di BABBà.
"COSA VI SERVE"
Manualità.....ma se volete potete aiutarvi con una planetaria con il gancio....dapprima..e poi trasferite l'impasto su un asse di legno o su un piano di marmo per finire di lavorarlo
Un matterello
Una rotellina x tagliare la pasta a strisce
Una padella x frittura con fondo pesante...possibilmente...
"INGREDIENTI"
Per 6 persone
500 g di farina "00"..Divella o altro..
1 cucchiaino di lievito x dolci....Pane Angeli o altro...
1/2 cucchiaino di cannella in polvere...di buona qualità...
4 cucchiaiate di zucchero semolato...
1 bicchiere scarso di latte intero..fresco...
1 bicchierino di grappa...
100 g di burro fuso e fatto raffreddare...di buona qualità....
4 tuorli d'uovo....freschi....
scorza di limone grattugiata...solo la parte gialla.....fresco....
una presina di sale fino
zucchero a velo quanto basta....
olio x friggere...di semi di girasole...                                                                                                  
"PROCEDURA"
Mettete la farina setacciata in una terrina, aggiungete lo zucchero, la cannella, una presina di sale e il lievito. Unite quindi i tuorli, il latte e mescolate. Bagnate con la grappa, aggiungete il burro fuso e la scorza di limone grattugiata. Lavorate la pasta con le mani, portatela su un asse di legno o di marmo, lavoratela fino a che tutto sia bene amalgamato, poi prendete un mattarello e stendetela in una sfoglia di uno spessore non troppo basso. Tagliate la sfoglia in strisce larghe tre centimetri e lunghe quindici, formate con queste dei nodi che friggerete in olio bollente, fateli dorare, sgocciolateli  e cospargeteli con lo zucchero a velo.
N.B.: Vi ho trascritto la ricetta senza cambiare l'originale ritengo inopportuno fare delle modifiche, queste sono le famose chiacchiere di carnevale o le bugie, se qualcuno non sapesse, che ogni Regione da il suo nome d'origine, spero che qualcuno si faccia avanti con altri nomi e ricetta abbinata. Grazie a tutti voi...da Babbà.
"BUONA VITA A TUTTI"


5 commenti:

  1. I galani veneti!!!!!! Stupendi!!!!!!!!!
    Le mie origini sono venete!!!!! Mamma e papà di Padova!!!!!!!!! Anche la mia mamma segue una ricetta molto simile!!!!!! Sono buonissimi!!!!!
    Bravissimo e grazie per tutte le cose belle che mi scrivi!!!!!!!
    Ti posso mandare un bacione!!!????!!!!!
    Sì, io te lo mando!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Ohhhhhhhhhh!!!!..Lory B...non immagini quanto piacere che mi dai..dicendo che tua madre segue una ricetta simile...quindi mi dai la gioia che la mia viene da una sorgente veritiera...credevo che la ricetta fosse fasulla come origine...spero che mi darai maggior conferma su questo. Amo le tue origini come amo questa ricetta dei galani..quando la faccio li divorano..a me mi vengono morbidissimi e gonfi..a Napoli si dice così: "SI SQUAGLIEN MOCC"...Traduco..si sciolgono in bocca tanto che sono morbidi...che bello parlare così...con il nostro passato..le tue origini..Mamma e Papà di padova..tutto bello..vero???...Stasera mi hai dato tanto piacere e gioia nel farmi i complimenti.. fatti in questo modo da te...Lory B..parlare bene di te e il minimo che potessi fare...lo sai che ti stimo...sia come mia follower che come persona..anche se non ti conosco personalmente...lo sai... come hai capito.. che ci tengo alla mia passione...quindi mangiamoci sti galani con il sanguinaccio.. che ho post.. e brindiamo a questo nostro connubio di Regioni...in seguito darò le chiacchiere napoletane fatte con il vino più una chicchetta...le stelle filanti...Ti piacciono??..la conosci gia sta ricettina??..se non la conosci seguimi..come seguo te da tempo...ti farò una sorpresina???...Tu mi mandi un bacione...io senza il ?...con meno eleganza di te..te ne mando 1000..percè te li meriti tutti x la tua autentica semplicità e affetto sincero che mi dai..Grazie Lory b...salutami Mamma e Papà con affetto come fossero i miei...CIAOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!..A presto

    RispondiElimina
  3. anche la ricetta di mia mamma veneta è simile,lei tirava la sfoglia con la macchinetta fino all'ultimo numero per renderli sottilissimi li tagliava a losanghe con un taglio al centro....ne lasciava alcuni un pò spessi e faceva il nodo perchè mio papà(campano) li preferiva così....in ogni caso si squagliavano in bocca ed uno tira l'altro
    Bravo!!

    RispondiElimina
  4. Grande Babbà, ha iragione, mica perchè uno è napoletano, veneto, romano, ecc non può dare ricette di altre città, e dove sta scritto??? Per cui evviva questa delizia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Luna, come vedi sei d'accordo con me, c'è troppa presunzione in giro e questo mi fa tanta rabbia, troppa gente sui piedistalli inutililmente, a che serve solo per essere famosi se poi gli mandi un messaggio neanche ti rispondono o non ti curano affatto? Se stiamo qui e per imparare e sapere e anche per dare; come per esempio prima di friggere le zeppole di san giuseppe per non farle assorbire di troppo olio in frittura si devono immergere in acqua che bolle e quando salgono a galla le togli e le poni su un telo per farle asciugare e poi le friggi, ecco vedi io non lo sapevo, sapevo di metterle prima sotto al forno per far creare un po' di crosticina e poi friggerle ma il fatto di dargli una bollitura manco i migliori pasticcieri lo sapranno. Quindi in questo mondo virtuale c'è tanto da imparare ancora ed io lo voglio fare ma con persone che condividono la nostra stessa passione fatta con amore e tanta fatica. Viva l'umiltà!Ciao Luna bacioni!

      Elimina

Chiedo scusa a chi mi lascia un commento se vi chiedo questo passaggio di verifica, purtroppo il mio blog è invaso di centinaia di commenti "SPAM". Grazie di cuore se acconsentite.