Informazioni personali

La mia foto

Sono un autodidatta al 100x100, mi chiamo Lucio e sono Napoletano fin dalla nascita, la mia passione è fare dolci e lievitati e di dare e ricevere ricette in generale. Sono molto altruista mi piace dialogare con tutti, mi piace scherzare, mi piace mangiare, adesso non più di tanto, ma quando sto vicino ad un dolce che Dio mi assista. Amo tutta la musica, la cultura in generale e acculturarmi, amo la luce solare, amo il mare, amo stare in mezzo alla natura e fra la gente, odio la presuntuosità delle persone in generale divento come HULK! Non sono razzista nel modo più assoluto quindi non sono contro a chi è diverso in tutte le sue forme e categorie, odio chi lo è,  e chi sta contro di loro divento come SPIDER MAN! Non credo molto nell'amicizia tra un uomo è una donna non c'è ancora abbastanza cultura su questo argomento, sono contro a chi fa violenza sui i bambini, sulle donne, su gli anziani, su gli animali e chi è diverso divento come BATTMAN! Infine chi è gentile con me lo sono altrettanto è doppiamente! Con affetto e stima Babbà! 
"BUONA VITA A TUTTI"   

giovedì 10 marzo 2011

"LA PASTA SFOGLIA"

"PREFAZIONE"
Non esiste un'unica ricetta per ottenere la pasta sfoglia; le soluzioni sono diverse, legate all'uso finale che si fa di tale impasto, alle diverse tradizioni che superano i confini della Penisola, ai piccoli segreti che ciascuno introduce per ottenere un risultato che si differenzi leggermente da quello di altri. La sfoglia francese per esempio è diversa da quella italiana, ma anche quella inglese e addirittura all'interno dei nostri confini non tutti sono concordi nell'indicazione delle dosi relative agli ingredienti, che sono esclusivamente la farina, il burro, il sale e l'acqua con l'aggiunta, qualche volta, di sostanze acidificanti. L'acidificante più usato è il succo di limone, che ha la funzione di conferire alla pasta una certa consistenza quando la farina utilizzata non è particolarmente ricca di glutine. La pasta sfoglia è formata da diversi strati sovrapposti una pastella di base(ottenuta dalla lavorazione di farina, acqua e sale) e di altrettanti strati di materie grasse. Per ottenere tali strati si stende la pasta base e la si ripiega intorno al burro. Tecnicamente tale operazione viene definita "dare i giri". In alcuni casi vengono dati solamente tre giri, in altri sei. Alcuni esperti sostengono che nel primo caso si ottene la cosiddetta pasta mezza sfoglia, mentre nel secondo la vera pasta sfoglia. E particolarmente  importante tener presente che la capacità di assorbimento d'acqua nella pastella di base dipende dalla qualità e del tipo di farina utilizzata. Le indicazioni fornite nelle ricette che seguiranno sono pertanto puramente indicative e le dosi dovranno essere aumentate o diminuite in base alla materia prima impiegata.


"INGREDIENTI"         
500g di farina forte Manitoba
400g di burro
5g di sale
300g di acqua imbottigliata


"ESECUZIONE"
Versare la farina setacciata sulla spianatoia e formare un cratere, al centro del quale mettete l'acqua e il sale. Iniziate a lavorarla  manualmente mescolando farina e acqua, senza ottenere un impasto troppo compatto. Operate con rapidità in modo che la farina non si attacchi alla punta delle dita; formate una grossa palla e mettetela in frigorifero per un quarto d'ora circa. Rimettete l'impasto sulla spianatoia e, utilizzando un mattarello, spianatelo in modo da ottenere un quadrato sul quale non solo sia possibile appoggiare tutto il burro ma anche in modo da poterlo coprire ripiegando sopra di esso i quattro lembi del quadrato stesso. Eseguite tale operazione, prima premendo con il pugno e poi utilizzando un mattarello, iniziate a stendere la sfoglia così da ottenere un nastro regolare della larghezza di quaranta centimetri circa, della lunghezza di sessanta centimetri e dello spessore di circa un centimetro e mezzo, evitando comunque che il burro affiori in superficie. Se la lavorazione manuale dovesse essere troppo difficile dividete gli ingredienti perfettamente a metà e operate in due momenti diversi. Ripiegate a questo punto la pasta in quattro parti uguali in modo da ottenere ancora un quadrato delle dimensioni circa di quello iniziale. Dopo il primo giro di pasta mettete la pasta in senso contrario rispetto al precedente, senza tuttavia voltarla, e, sempre utilizzando il mattarello, stendete il quadrato così che assume le dimensioni del nastro precedente. Ripiegate il nastro ottenuto ancora in quattro e mettetelo in frigorifero a riposare per un'ora circa. Ripetete questi due passaggi almeno tre volte in modo che la pasta venga girata in tutto otto volte, prima di utilizzarla a piacere.
N.B.: Sinceramente e personalmente ritengo che sia un lavoro abbastanza complesso e lungo..ma a dover di cronaca per le persone che sono appassionate per la pasta sfoglia fatta in casa non potevo mancare a dare la ricetta e di con sequenza anche tutte quelle che ho...che trascriverò di seguito a questa. Da parte mia a suo tempo le ho provate tutte ma alla fine per non perdere tanto tempo la compro nel negozio dove vendono prodotti per pasticceria e sinceramente la trovo eccellente...certamente quella fatta in casa darà alla fine la giusta ricompensa di aver fatto un lavoro più che soddisfacente. provate la mia ricetta della "Mille fogli" che no ha nulla da invidiare con quella che si compra dal pasticcere che costa il triplo di quella che fate voi...anzi...secondo me è migliore!!! 
PROVARE X CREDERE .....PAROLA DI BABBà...
"BUONA VITA A TUTTI"

Nessun commento:

Posta un commento

Chiedo scusa a chi mi lascia un commento se vi chiedo questo passaggio di verifica, purtroppo il mio blog è invaso di centinaia di commenti "SPAM". Grazie di cuore se acconsentite.