Informazioni personali

La mia foto

Sono un autodidatta al 100x100, mi chiamo Lucio e sono Napoletano fin dalla nascita, la mia passione è fare dolci e lievitati e di dare e ricevere ricette in generale. Sono molto altruista mi piace dialogare con tutti, mi piace scherzare, mi piace mangiare, adesso non più di tanto, ma quando sto vicino ad un dolce che Dio mi assista. Amo tutta la musica, la cultura in generale e acculturarmi, amo la luce solare, amo il mare, amo stare in mezzo alla natura e fra la gente, odio la presuntuosità delle persone in generale divento come HULK! Non sono razzista nel modo più assoluto quindi non sono contro a chi è diverso in tutte le sue forme e categorie, odio chi lo è,  e chi sta contro di loro divento come SPIDER MAN! Non credo molto nell'amicizia tra un uomo è una donna non c'è ancora abbastanza cultura su questo argomento, sono contro a chi fa violenza sui i bambini, sulle donne, su gli anziani, su gli animali e chi è diverso divento come BATTMAN! Infine chi è gentile con me lo sono altrettanto è doppiamente! Con affetto e stima Babbà! 
"BUONA VITA A TUTTI"   

domenica 29 dicembre 2013

TORTA "BOMBA" SUPER CALORICA PER FINIRE IN BELLEZZA IL 2013...ALTRO CHE FUOCHI D'ARTIFICIO!!!








FINIAMO IN BELLEZZA QUESTO 2013 E ACCANTONIAMOLO PER SEMPRE PER INIZIARE UN 2014 ALL'INSEGNA DI TANTA SALUTE, DI TANTA PROSPERITÀ E DI TANTO OTTIMISMO...BUON ANNO A TUTTI!                                                FIRMATO   BABBA'                 

PREFAZIONE:
Cari e affezionatissimi blogger, amici, sostenitori, persone che mi seguite in silenzio, persone che non conosco e mi seguite in Italia e dall'estero e infine tutti gli amici di Facebook, non potevo mancare per farvi gli AUGURI più sinceri con queste semplici parole dettate dal mio cuore e non potevo neppure non dedicarvi qualcosa di veramente libidinoso cercando anche minimamente di dimenticare quest'anno di crisi con questa torta super calorica una vera "Bomba" di quelle che si possono degustare una volta sola in un anno, di fatti la sera del 31 dicembre quando scocca la mezza notte facciamoci male con una bella fetta di questa torta super cioccolato al posto dei fuochi d'artificio che ci fanno davvero molto male..d'accordo! Quindi passo subito alla ricetta così avrete il tempo di poterla preparare per la vigilia di capodanno. Non è difficile prepararla, basta che seguite la ricetta della torta alla "Nutella e Panna", questo e il link: http://babbdolcbabb.blogspot.com/2011/10/torta-alla-nutella-e-panna.html che ho postato qualche tempo e dimezzare le dosi a metà perché questa che vedete nelle foto è più piccola di quella che andrete a visualizzare. Mentre se vi piace più grande rimanete le dosi come stanno descritte. Poi al posto della panna o cambiato guarnendo solo la superficie con una ganache leggera e aggiungendo dei confetti al cioccolato fondente e al latte con dentro una nocciola. Queste sono solo le due modifiche apportate il resto e tutto uguale seguendo la stessa procedura procedura. Di seguito vi trascrivo le dosi divise e la ganache leggera.
INGREDIENTI PER UNO STAMPO DA 24 CM DI DIAMETRO E 4 CM DI ALTEZZA:
(procuratevi un bicchiere di plastica da 200 ml come misura)
1/2 bicchiere di latte intero fresco
1/2 bicchiere di olio di girasole
1 bicchiere di zucchero semolato
1 bicchiere e un 1/4 di farina "00"
1/4 di bicchiere di cacao amaro in polvere
2 uova fresche intere
1/2 bustina di lievito per dolci
1 fialetta di estratto di vaniglia
PROCEDURA DIVERSA DELLA "TORTA E PANNA":
Se volete sveltire la procedura potete fare in questo modo: in un contenitore versate il latte, olio, zucchero, farina setacciata e uova. Aggiungete il cacao setacciato, il lievito setacciato e l'estratto di vaniglia. Amalgamate prima il tutto con una frusta a mano e poi frullate subito dopo con uno sbattitore per 3-4 minuti. Travasate l'impasto nello stampo e infornate.  
PER LA COTTURA:
Forno preriscaldato statico a gas a 160°C per 20-25 minuti circa per uno stampo da 24 cm di diametro e 4 cm di altezza bene imburrato. Fate sempre la prova del ferro da calza, appena sentite sprigionarsi il profumo che emana nell'aria vorrà dire che è quasi cotta. 
PER LA GUARNITURA SIE INTERNA CHE ESTERNA:
1 barattolo di "Nutella" da 400 g, più che sufficiente
150 ml di panna vegetale da montare
1 moca da una tazza di caffè con l'aggiunte di qualche cucchiaino di zucchero 
Confetti alla nocciola a piacere
Ganache leggera al cioccolato fondente al 52% di cacao
Questi sono gli ingredienti divisi, non vi resta che seguire la stessa procedura.
PER LA GANACHE LEGGERA AL CIOCCOLATO FONDENTE:
COSA VI SERVE:
Un frullatore ad immersione
Un contenitore cilindrico trasparente
Una sacca da pasticciere con bocchetta a stella media
Una spatola lecca pentola
INGREDIENTI:
250 g di cioccolato fondente
350 ml di panna da montare vegetale
PROCEDURA:
Mettete la panna in una casseruola e riscaldatela fino al raggiungimento del quasi bollore. Nel frattempo aggiungete nel contenitore cilindrico il cioccolato spezzettato. Appena la panna sarà abbastanza calda travasatene metà sul cioccolato e aspettate qualche minuto per fare in modo che lo stesso si ammorbidisca. Fatto ciò, immergete il mini piper nel cioccolato e frullate ad intermittenza, appena incomincia ad indurire il cioccolato aggiungete il resto della panna calda e continuate a frullare fin quando non rimane nessuna traccia del cioccolato stesso sulle pareti del contenitore. Quando tutto e bene amalgamato spegnete il frullatore e fate raffreddare per una mezz'ora a temperatura ambiente. Poi trasferite il contenitore nel frigo fino al giorno dopo che la dovrete usare. Per adoperarla tiratela fuori dal frigo qualche ora prima in modo tale da farla ammorbidire di nuovo a temperatura ambiente. Prima che decoriate la torta amalgamatela con la spatola per farla diventare omogenea e lucida ma mi raccomando non frullatela perché questa ganache non si deve montare. Non vi resta che riempire la sacca e decorare la torta come più vi piace infine aggiungete i confetti alla nocciola per il tocco finale. Mettete la torta in frigo per qualche ora per farla rassodare e assestare, se la dovete servire tiratela fuori dal frigo un'ora prima di consumarla.   
"BUONA VITA A TUTTI"            





mercoledì 18 dicembre 2013

"ROCCOCO MORBIDI ANTI CRISI!!!"

PREFAZIONE:
Buon giorno a tutti, come potete notare dal titolo di questa ricetta la crisi economica italiana sussiste e anche in modo abbastanza grave. Ma personalmente continuo a crederci, seppur illudendomi, che questa crisi, in un modo o nell'altro, deve finire. Di sicuro nessuno avrebbe pensato che per questo Natale ci fossimo arrivati in questa maniera, qui a Napoli la crisi si sente enormemente, i commercianti sono i primi a risentirne, difatti le vetrine dei loro negozi sono ancora piene di articoli che non riescono a vendere come gli altri anni. Questo mi rattrista così tanto, e mi intristisce ancor di più per il fatto che tante famiglie non hanno i soldi a sufficienza per poterseli comprare e trascorrere un sereno Natale. Ma se guardo indietro ci sono persone ancora più disagiate che in confronto a queste famiglie non hanno un bel niente, per esempio molti capo famiglia che hanno perso il posto di lavoro è lo stipendio oppure tante persone che hanno dovuto chiudere i propri negozi e si sono indebitati chiedendo soldi alle banche o a gli strozzini oppure imprenditori con le stesse modalità che hanno chiuso le loro aziende dovendo licenziare i loro dipendenti e alla fine si sono pure suicidati facendo fine alla propria esistenza. Perché tutto questo? Perché lo stato non c'è o perché siamo noi a non vederlo? Di sicuro se ci fosse, il giorno di Natale, tutta la camera dei deputati e del senato scendessero in piazza con gli assegni fra le mani dei propri stipendi e li donassero a tutte queste persone che ne hanno bisogno...allora si che lo Stato ci fosse per davvero, sarebbe un gesto encomiabile. Perché ci dobbiamo sempre sacrificare noi e rimboccare le maniche per poter ristabilire sempre questa nostra economia, perché per una volta sto sacrificio, seppur sempre con i nostri soldi, non lo fanno loro e non mi venissero a dire che non festeggiano questo Natale 0_0 , sarebbe uguale e identico ad un'albero di Natale gigante con tante "PALLE " sopra. Cari amici mi fermo qui, non ho tanta voglia di continuare, lo voglio fare per trascrivere questa ricetta che mi è stata richiesta, appunto, da una persona con questi problemi, la quale voleva una ricetta dei roccoco che costassero poco e che fossero morbidi per il fatto che se sono duri non ha neppure i soldi per andare dal dentista, sembra una battuta ma è la pura realtà. In questi roccoco non ho messo neanche le mandole o altra frutta secca, ho cercato di fare una ricetta molto economica e penso che ci sia riuscito con la speranza che possa accontentare l'amica che me li ha richiesti e i suoi familiari. Comunque, a prescindere da quello che ho scritto, assumendomi ogni responsabilità di quello che ho detto;  AUGURO A TUTTI UN SERENO NATALE....firmato BABBà!!
COSA VI SERVE:
Una Planetaria con gancio ad uncino
Manualità
Una teglia da forno ricoperta di carta forno
Un setaccio
Un pennello da pasticciere per chi volesse spennellare i roccoco con del tuorlo sbattuto
INGREDIENTI:
500 g di farina "00"
200 g di zucchero semolato
2 cucchiaini colmi di pisto in polvere o una bustina(la trovate nei super)
1 bustina di cannella pura in polvere
1 fialetta d'aroma arancia o una buccia grattugiata d'arancia
Una punta di bicarbonato di sodio
1 bustina di polvere lievitante per dolci (Pane Angeli)
Un pizzico di sale
220-230 ml circa di acqua tiepida
PROCEDURA:
Preriscaldate il forno a 180°C statico a gas.
Setacciate tutti gli ingredienti polverosi nella ciotola della planetaria in questo modo; prima la farina poi lo zucchero, il pisto, la cannella, la punta di bicarbonato e il lievito.
Avviate la macchina a vel. 1 con il gancio ad uncino e fate amalgamare queste polveri. Di seguito aggiungete l'acqua tiepida, il pizzico di sale e l'aroma di arancia o la buccia grattugiata di una arancia( solo la parte arancione). Fate lavorare quel tanto che basti perché questi ingredienti formino un impasto morbido tipo pasta frolla. Appena ottenuto questo, travasate la pasta su un piano di lavoro e dateci un impastata con le mani aiutandovi con pochissima farina se ci fosse bisogno. Da questa pasta prelevate dei pezzi e arrotolateli per formare dei cilindri di 10 cm di lunghezza con i quali formerete a loro volta delle ciambelle che schiaccerete un po' con il palmo della mano e le posate sulla teglia da forno ricoperta con carta forno distanziate di un cm. tra di loro. Non vi resta che infornare per 15 minuti circa per rendere questi roccoco morbidi, se invece li fate più piccoli, come si vede nella foto, li cuocerete ad una temperatura inferiore, a 150-160°C per 15 minuti circa. Comunque vada non dovete superare i 15 minuti perché dopo questo tempo i roccoco si induriscono, come pure se pensate che non verranno morbidi di farli cuocere meno di 10 minuti, sbagliato perché in questo modo vi verranno crudi dentro, quindi devono cuocere per un minimo 10 minuti e massimo 15 per farli venire sempre morbidi. Sfornate e fateli raffreddare, metteteli su dei vassoi e copriteli con della pellicola per alimenti così facendo si manterranno per alcuni giorni.
N.B. : come avete letto questa ricetta è molto semplice sia nel farli e sia come ingredienti e ovvio che se vi piacciono con maggiori ingredienti aggiungeteli pure, orientandovi con una mia ricetta che ho postato in precedenza per questi squisiti biscotti. Questa ricetta sarà la base dei vostri roccoco, molte di voi hanno paura quando leggono che dentro va messa l'ammoniaca in polvere per alimenti per farli lievitare, in questo caso non si deve assolutamente aver paura. La differenza tra queste due polveri e che quando si usa il lievito per dolci bisogna infornare al più presto, mentre con l'ammoniaca, anzi il bicarbonato d'ammoni così si chiama, l'impasto fin quando non entrerà in cottura rimane sempre lo stesso perché solo a contatto con il calore sprigionerà la sua lievitazione. Quindi resta a voi quale scegliere perché sia l'uno che l'altro non modificano il sapore dei biscotti. Come pure se aggiungete qualche grammo di ammonio nella pasta frolla il risultato e migliore del lievito per dolci. La stragrande maggioranza dei pasticcieri usa l'ammonio in special modo per i dolci siciliani tipo cassata al forno che è una loro specialità. Un ultima cosa in questione, se vi piacciono più duri e belli da vedere non dovrete fare altro che farli cuocere per un minimo di 20 minuti e anche oltre, ma prima di infornarli li spennellerete con un rosso d'uovo sbattuto con qualche goccia di aroma limone o arancio o vanillina. Spero di essere stato esaudiente, grazie infinite per la vostra attenzione. 
" AUGURI E BUONA VITA A TUTTI "   



        
       

martedì 10 dicembre 2013

"TORTA DI ROSETTE CON CREMA AL SAPOR D' ARANCIA!!!!"





PREFAZIONE:
Ormai il Natale alle porte, mancano pochi giorni a questo evento che aspettiamo con grande gioia nei nostri cuori! Vorrei ritornare indietro nel tempo, anche solo per un istante, per poter essere di nuovo un bambino per riprovare la stessa emozione così palpitante da farmi battere il cuore freneticamente pur sapendo che Babbo Natale e la Befana non mi portava grandi cose perché non c'erano i soldini a sufficienza per poterle avere. Pur sapendo lo stato economico di mio padre, perché non prendeva uno stipendio ma lavorava in proprio, lo stesso scrivevo la letterina a tutti e due, in questo modo: "Caro Babbo Natale e cara Befana lo so che non mi portate i giocattoli che desideravo di avere perché anche quest' anno ho fatto il monello, ma desidero tanto, come ogni anno, che papà mio mi faccia il presepe e l'albero. Vi prometto che faccio il bravo ma voi fate stare bene a mio padre alla mia mamma alla mia sorella a mio fratello e che tutti insieme facciamo un felice e sereno Natale. Grazie Babbo Natale e grazie Befana." Questa era la letterina, unica, che scrivevo ogni anno per cercare di non mettere in difficoltà a mio padre il quale lo stesso non ci faceva mancare niente, ci faceva trovare sempre qualcosa tipo una costruzione o una bambolina o un trenino. Questi erano i giocattoli di allora e per me e miei fratelli erano dei doni inestimabili a tal punto che ancora adesso il ricordo e rimasto indelebile nei nostri cuori. Anche il presepe lo faceva lui con carta di giornale e colla di pesce e se non c'è l'aveva con acqua e farina, ed io, come ogni anno, gli stavo vicino ad aiutarlo e vedere finito il presepe che desideravo. Questa era l'atmosfera che creava nostro padre per cercare di alleviare nei nostri confronti il suo stato economico e ci riusciva sempre, in modo esemplare e indimenticabile da parte nostra. Non so perché vi ho raccontato questo stralcio di vita che ho vissuto, credo che sia dovuto ai fatti che stanno succedendo in tutta Italia in questi giorni e che mi stanno mettendo un po' in fibrillazione e per questo motivo non riesco a sentire quell'atmosfera Natalizia di un tempo. Spero tanto che le cose si metteranno a posto, ma come si sono messe non credo che succederà non voglio essere pessimista ma le 3 milioni di persone senza uno stipendio come potranno festeggiare queste feste? Cosa mangeranno a tavola il giorno di Natale? E' i figli?
Cari follow mi fermo qui, già incomincio ad innervosirmi e poi finisce che non trascrivo più la ricetta di questa torta di rosette che non è altro che la pasta dei cornetti che ho postato ultimamente....Okay? Scusatemi e grazie a tutti. 
COSA VI SERVE:
Un piano di lavoro
Un mattarello
Uno stampo a cerniera di 26 cm di diametro, imburrato
Un coltello bene affilato
Un pennello da pasticciere
Una gratella
Metà dell'impasto dei cornetti a brioche
Crema pasticciera con l'aggiunta a fine cottura di una mezza fialetta di aroma d'arancia, se vi piace la mia crema pasticciera(vedi post)la dovete eseguire con la metà degli ingredienti descritti e aggiungendo solo l'aroma alla fine 
PER SPENNELLARE LA SUPERFICIE DELLA TORTA:
1 cucchiaio di zucchero semolato sciolto in un po' di acqua fredda e un pizzico di vanillina 
ESECUZIONE:
Dopo che avrete eseguito la procedura per l'impasto dei cornetti a brioche con le dosi descritte e la sua lievitazione, non dovete fare altro che prelevare giusto la metà di questa pasta per formare questa torta di rosette in questo modo: stendete la pasta con un mattarello(vedi foto)per formare un rettangolo più lungo che largo. Ottenuto questo rettangolo, spalmateci sopra la crema pasticciera fredda mantenendovi a mezzo cm dal bordo. Partendo dal lato più lungo formate un salsicciotto arrotolando la pasta su se stessa senza stringere troppo. Ora prendete il coltello e con esso tagliate 12 rosette che poggerete con la parte tagliata nello stampo distanziandole di mezzo cm tra di loro. A questo punto dovete aspettare che avvenga la lievitazione, minimo un' ora, nella cella di fermentazione o se non c'è l'avete sotto al forno intiepidito e con la luce accesa. Quando le rosette i sono ben lievitate e tutti gli spazi si sono chiusi, riscaldate il forno a 160°C ventilato a gas e cuocete per 15 minuti circa oppure a 160-170°C statico sempre a gas per 30 minuti circa, ma prima d'infornare dovete spennellare la superficie con lo sciroppo di zucchero. Controllate sempre la cottura. Appena si sarà cotta attendete qualche minuto e poi la sfornate. Non vi resta che sformarla per farla raffreddare su di una gratella. Come vedete lo rimasta così senza aggiungere nessuna decorazione, se vi piace potete spolverizzarla con dello zucchero a velo come pure nel suo interno potete aggiungere delle gocce di cioccolato o aromatizzandola con l'aroma che vi piace. Quindi con la ricetta dei cornetti a brioche fate due dolci contemporaneamente allietando il palato dei vostri familiari per una buonissima colazione.
"BUONA VITA A TUTTI" 
         




martedì 3 dicembre 2013

"CORNETTI A BRIOCHE!!"









 PREFAZIONE:
Ciao a tutti, da quando ho riaperto il blog ho dei problemi nel pubblicare i miei post. Se non mi vedete nel vostro blog roll mi potete vedere su Google+. Mi dispiace tanto ma a Blogger non gli darò la soddisfazione di pagare mensilmente una retta per potermi comprare un "dominio". Con il mio blog non ho nessun interesse tranne quello di scrivere le mie ricette e regalarle ad amici e parenti e a tutti voi senza scopo di lucro, perché dovrei pagare questa retta mensile?  Poi perché non me l'hanno detto quando ho aperto il blog? Così pure con lo spazio per le foto hanno fatto la stessa cosa!! Blogger prima ti fa accanire con tanta gentilezza a postare poi all'improvviso ti dice che c'è l'emigrazione, poi ti dice che il sito non supporta più tale scrittura(F.T.P.) e che ti devi comprare un dominio ecc... Cosa faccio? Non mi perdo d'animo è continuo a postare le mie ricette fin quando posso nel mio blog e le condivido su Google+. Quindi quando mi diranno che non potrò fare più niente..beh allora troverò un'altro escamotage per poter continuare. Non so se a qualcuno sia successo la stessa cosa, mi fa piacere se uno di voi mi aiuterebbe a risolvere questo problema, può darsi che non sia quello che ho elencato ma qualche altra opzione che inavvertitamente ho toccato, non mi hanno avvisato lo scoperto perché non riesco a pubblicare nel blog-roll e non esco nell'elenco personale dei blog, difatti io vedo la ricetta che ho postato 2 settimane fa, ma nella pagina del blog ci sono e si vedono tutte le ricette, ecco come ho scoperto questa stranezza. Al momento vado avanti così regalandovi un'altra ricetta dei cornetti a pasta brioche con ripieno di crema pasticciera all'aroma di arancia, direi proprio che sono una bontà!!
COSA VI SERVE:
Una planetaria
Una ciotola per la lievitazione
Un setaccio
Cella di fermentazione(vedi post)
Un piano di lavoro
Manualità 
Una teglia da forno ricoperta di carta forno
Un pennello da pasticciere
INGREDIENTI:
250 g di farina Manitoba
250 g di farina "00"
1 bustina di lievito secco..io Mastro Fornaio della Pane Angeli
150 ml di latte fresco intero a temperatura ambiente
150 g di zucchero semolato
2 uova fresche intere
Estratto di vaniglia a piacere
1/2 fialetta aroma di arancia
1/2 cucchiaino di sale raso da te
50 g di burro non salato ammorbidito a temperatura ambiente di buona qualità
1 tuorlo d'uovo e un goccio di latte per spennellare i cornetti
PER IL RIPIENO:
Crema pasticciera (vedi post) crema pasticciera con 1/2 litro di latte e solo 1/2 fialetta di aroma d'arancia e un cucchiaino di estratto di vaniglia da aggiungerli a fine cottura
ESECUZIONE:
Mettete nella ciotola della macchina le due farine setacciate insieme, la bustina di lievito secco e lo zucchero, fate girare la macchina con il gancio a foglia a velocità 1 per amalgamare questi ingredienti per qualche minuto. Subito dopo aggiungete le uova intere e gli aromi e fate assorbire bene, poi il latte a filo e continuate a lavorare sempre con la stessa velocità che avete impostato fino a che l'impasto incomincia ad incordarsi, se volete potete aumentare a 2 la velocità. Regolatevi sempre con i liquidi questo dipende dall'assorbimento delle farine, quindi se ci vuole qualche goccio in più di latte c'è lo aggiungete e viceversa se non c'è ne bisogno. A questo punto, sempre con la macchina in movimento, fate assorbire, molto bene, il burro con il sale fin quando la pasta si stacca dalle pareti della ciotola e la stessa sia pulita da qualche residuo degli ingredienti. In questo procedimento ricordate di rivoltare la pasta ogni tre minuti in modo tale per far si che la stessa si incordi prima e meglio, ovviamente quando fate questa manovra dovete spegnere la macchina ogni volta che lo fate e poi riavviarla. A questo punto che la pasta è stata lavorata bene ed e diventata elastica, non vi resta che metterla a lievitare in una ciotola imburrata nella cella di fermentazione o se non c'è l'avete sotto al forno intiepidito, coperta con la lucetta accesa fino al suo raddoppio(minimo un'ora).
FORMAZIONE DEI CORNETTI:
Rivoltate la pasta, ormai lievitata, su un piano di lavoro e senza l'ausilio di mattarelli o altro, ma solo con le mani, stendete la pasta in modo circolare(vedi foto)e con un taglia pizza dividetela in otto fette triangolari e regolari. Su ogni fetta, dal lato più grande, mettete un cucchiaino di crema pasticciera fredda che avrete già preparato. Partite da questo lato e arrotolate fino ad arrivare alla punta e cercate di non far fuoriuscire la crema dai lati. Potete anche stendere la crema su tutta la sua lunghezza contenendovi sempre all'interno di esso. Formati i cornetti appoggiateli sulla teglia ricoperta con carta forno distanziandoli tra di loro. Appena riempita la teglia mettete i cornetti a lievitare di nuovo per una mezz'ora minimo coperti con un telo bianco. Preriscaldate il forno ad una temperatura di 160°C ventilato e appena i cornetti si sono lievitati, spennellate la loro superficie con un tuorlo d'uovo e un goccio di latte sbattuti e infornateli e fateli cuocere per 15 minuti circa. Appena i cornetti avranno preso un bel colore dorato sfornateli e fateli raffreddare o mangiateli ancora caldi!! Buona colazione!!
"BUONA VITA A TUTTI!!"

            

lunedì 2 dicembre 2013

"PAGNOTTA DI PAN BRIOCHE FARCITA!!"














PREFAZIONE
Vi va di fare una pagnotta di pan brioche farcita? Ciao a tutti affettuosamente, Babbà vi allieta sempre con ricette belle da vedere, da gustare e infine da pappare!! Con questo pan brioche, l'attenzione di parenti e amici cadrà su di voi presentando lo   a tavola ancora caldo affascinati dal profumo e dalla sua lievitazione! La ricetta non è difficile, se eseguite bene la procedura il risultato finale sarà eccellente! In queste serate freddolose che annunciano il divenire dei giorni di festa è l'ideale per riunirsi intorno ad un tavolo insieme a un buon bicchierotto di vino per farci quattro risate distraendo ci, alquanto, da tutti i fatti di cronaca e altro che succedono immancabilmente tutti i giorni. Quindi non possiamo fare altro che distrarci il più possibile ma con la consapevolezza di non dimenticare e di aiutare sempre e in qualunque modo chi sta peggio di noi facendo un opera buona che il nostro cuore ci indicherà. Adesso passo alla ricetta e ringrazio di cuore a tutti coloro che già fanno questo gesto di altruismo e di amore verso gli altri e grazie anticipata mente a tutti coloro che ancora lo devono fare e pensano di farlo. 
COSA TI SERVE:
Una Planetaria con gancio a filo e il gancio ad uncino
Una ciotola
Una placca da forno
Carta da forno
Pellicola per alimenti
Un pennello da pasticciere
Cella di fermentazione possibilmente
Una gratella
INGREDIENTI:
2 uova piccole intere fresche oppure 1 uovo grande
250 ml di latte intero fresco a temperatura ambiente o appena intiepidito
50 ml di olio d'oliva
1 bustina di lievito di birra secco Mastro Fornaio della Pane Angeli
15 g di zucchero semolato
10 g di sale fino
550 g di farina Manitoba
1 tuorlo d'uovo per spennellare con un goccio di latte
IMBOTTITURA:
24 fette di salame Napoli tagliate sottili
9 fette di scamorza affumicata tagliate sottili
PROCEDURA:
Fate sciogliere bene la bustina di lievito con lo zucchero in 50 ml di latte per 10 minuti girando ogni tanto con un cucchiaino fino a formarsi una schiuma. Fate così anche con il sale sciogliete lo in una tazzina di latte e mettete da parte.
Aggiungete nella ciotola della macchina le due uova intere e il lievito che ormai si è riattivato e con il gancio a filo frulliamo per qualche minuto a velocità 1.
Togliete questo gancio e sostituite lo con quello ad uncino.
A questo punto introduce te la farina un po' alla volta alternata al resto del latte rimasto. Quando si è assorbita tutta la farina a questi ingredienti, aggiungete il sale che avrete sciolto nella tazzina di latte e fatelo assorbire sempre con la velocità 1.
Continuate e fate lavorare la macchina in questo modo finché vedete che la pasta incomincia ad incordare. A questo punto versate a filo l'olio e aumentate la velocità a 2 finché la pasta assorbirà tutto l'olio e si staccherà dalle pareti della ciotola.
In questa ultima fase di lavorazione non preoccupatevi del tempo che ci vuole, quindi fate lavorare la macchina fin quando l'impasto sarà bello incordato, liscio ed elastico. Fatto questo disponete l'impasto a lievitare in una ciotola unta di olio e fate un taglio a croce in superficie. Mettetelo a lievitare nella cella di fermentazione senza coprirlo oppure, per chi non avesse la cella, sotto al forno intiepidito e con la luce accesa coperto con della pellicola per alimenti fino al raddoppio per 1 ora e mezza minimo. 
Dopo la sua raddoppiata lievitazione, ponete la pasta su un piano di lavoro unto con un po' d'olio e lavoratela per qualche minuto con le mani dopo di che pesatela e dividete il suo peso in tre parti uguali formando tre pagnottelle. Prendete una pagnottella alla volta e con le mani cercate di stenderla in una forma allungata(come si vede nella foto) e allargata. Ripetete la stessa cosa con le altre pagnottelle rimaste e disponetele, vicine, distanziate l'una all'altra di qualche centimetro. Aggiungete su ogni pagnottella 8 fette di salame e sopra di esso 3 fette di scamorza affumicata. A questo punto non dovete fare altro che chiudere su se stessa, dal lato più lungo, ogni pagnottella per formare tre salsicciotti che schiacce rete un po' con il palmo delle mani. Avvicinate queste tre parti e formate con una treccia una pagnotta(come si vede nelle foto)che poggerete su una placca da forno ricoperta di carta pergamena a lievitare una seconda volta dopo averla spennellata con un po' di olio per un minimo di 30 minuti. Avvenuta la lievitazione incominciate a riscaldare il forno
impostando la temperatura a 200°C( io con il mio forno a 180°C)statico per 10 minuti minimo. Sbattete il tuorlo d'uovo con un goccio di latte e spennellate con esso tutta la superficie della pagnotta. Non vi resta che infornare e lasciate cuocere per 35 minuti circa(io 30 minuti). Sfornate è il vostro pan brioche e pronto^_*!!!
"BUONA VITA A TUTTI"