Informazioni personali

La mia foto

Sono un autodidatta al 100x100, mi chiamo Lucio e sono Napoletano fin dalla nascita, la mia passione è fare dolci e lievitati e di dare e ricevere ricette in generale. Sono molto altruista mi piace dialogare con tutti, mi piace scherzare, mi piace mangiare, adesso non più di tanto, ma quando sto vicino ad un dolce che Dio mi assista. Amo tutta la musica, la cultura in generale e acculturarmi, amo la luce solare, amo il mare, amo stare in mezzo alla natura e fra la gente, odio la presuntuosità delle persone in generale divento come HULK! Non sono razzista nel modo più assoluto quindi non sono contro a chi è diverso in tutte le sue forme e categorie, odio chi lo è,  e chi sta contro di loro divento come SPIDER MAN! Non credo molto nell'amicizia tra un uomo è una donna non c'è ancora abbastanza cultura su questo argomento, sono contro a chi fa violenza sui i bambini, sulle donne, su gli anziani, su gli animali e chi è diverso divento come BATTMAN! Infine chi è gentile con me lo sono altrettanto è doppiamente! Con affetto e stima Babbà! 
"BUONA VITA A TUTTI"   

lunedì 31 ottobre 2011

"TORTA ALLE ARANCE"



"PREFAZIONE"
Dopo gli ultimi eventi succeduti di cronaca, tra efferatezze barbariche e torture viste in TV e sulla rete internet dei ribelli a Tripoli, dopo l'alluvione in Liguria, dopo il terremoto in Turchia, dopo la triste perdita del pilota Simoncelli, per non dire della nostra politica e di quant'altro, mi verrebbe voglia di non postare, sono stufo, triste e gonfio!!!BASTA!!!Mi sembra fatto a posta, ogni anno che ci avviciniamo al Natale questi eventi aumentano sempre di più, ci vuole solo che scoppia il Vesuvio e "STAMM A POST". Scusatemi non voglio influenzarvi con la mia incazzatura e pessimismo, ma che CASPITA!!!Dicono che la fine del mondo e vicina????Ma quale fine del mondo!!!!CHIù E CHEST???Che deve succedere ancora???Non basta!!!Io che amo il Natale più di ogni altra cosa al mondo, dove prego il Signore che tutti siano felici in questa magica atmosfera, continuerò imperterrito a farlo con la speranza futura di un mondo migliore di questo per i figli dei figli nostri SENZA FAME E SENZA GUERRE!!!!PERDONATEMI!!!AVEVO BISOGNO DI GRIDARLO, DI SFOGARMI!!!!Ho la fortuna di riprendermi subito, ringrazio il Signore di questo, quindi passo subito alla ricetta semplice e gustosa di questa "TORTA ALLE ARANCE", penso che si addica molto per questo periodo autunnale, a chi piacciono le arance è un vero trionfo d'essenza aromatica di questo agrume che prediligo e non faccio mai mancare in molte delle mie ricette. 
COSA VI SERVE:
Una planetaria con gancio a filo
Uno sbattitore elettrico con fruste
Una ciotola possibilmente d'acciaio
Una spatola
Un setaccio 
Uno stampo a cerniera di 26 cm di diametro
Carta da forno 
INGREDIENTI:
100 g di farina "00" Divella o altro...
100 g di zucchero semolato
4 uova fresche
1/2 fialetta di aroma arancia della Pan degli Angeli
80 g di burro di qualità
2 arance fresche non trattate 
100 g di zucchero semolato o di canna
200 ml di acqua imbottigliata naturale
PROCEDIMENTO:
Imburrate leggermente uno stampo rotondo e foderatelo con carta da forno.
Pulite le arance e tagliatele a fette(come vedete nella foto), mettetele in un pentolino con lo zucchero(100 g) e l'acqua(200ml). Fate cuocere su fuoco moderato. Quando lo sciroppo di zucchero raggiunge l'ebollizione, abbassate la fiamma. Proseguite la cottura per 15 minuti, poi spegnete e lasciate raffreddare. Tritate 1/3 delle arance.
Setacciate la farina in due tre volte.
Mettete il burro in una ciotola e copritelo con un foglio di pellicola trasparente. Mettetela nel forno a microonde, a 500 W, per 2 minuti, così da sciogliere completamente il burro
Separate gli albumi dai tuorli mettendoli in due diverse ciotole, gli albumi nella ciotola d'acciaio, mentre i tuorli in quella della planetaria.
Sbattete leggermente i tuorli, aggiungete metà quantitativo di zucchero, quindi fate lavorare la macchina con il gancio a filo fino ad ottenere un composto gonfio e biancastro ottenendolo sempre con la stessa velocità, da voi prescelta, senza mai cambiarla( con la mia vel. 4).
Nel frattempo che la macchina lavori, nell'altra ciotola sbattete leggermente anche gli albumi, aggiungete il rimanente zucchero(50 g) dopodiché montateli con lo sbattitore elettrico a neve ferma e soda.
Quando tutto e ben montato, trasferite metà quantitativo di albumi nella ciotola contenente i tuorli; mescolate con la spatola con un movimento dal  basso verso l'alto. Aggiungete la farina setacciata( due-tre volte)e mescolate facendo attenzione che il composto non si sgonfi. Incorporate anche il burro fuso e mescolate. Trasferite gli albumi rimasti e mescolate di nuovo. Unite le arance tritate ed amalgamate bene.
Trasferite il composto nello stampo, e infornate a 180°C sulla griglia di mezzo del forno per 30 minuti. 
A cottura avvenuta, togliete dal forno e mettete a raffreddare su di una gratella. A tempo debito, sfornate il dolce e guarnitelo in superficie con le rondelle d'arancia . Pennellate infine il dolce in superficie con lo sciroppo d'arancia ricavato. GUSTATE!!!!!
N.B.: come noterete in questa ricetta non viene aggiunto il lievito, quindi sia i tuorli che gli albumi devono essere montati bene e quando li mescolerete insieme bisogna stare attenti a non smontarli facendo un movimento con la spatola dal basso verso l'alto ma con decisione, fatto in questo modo il risultato sarà più che soddisfacente. Oltre questo tutti gli ingredienti devono essere a temperatura ambiente.    
"BUONA VITA A TUTTI"     

lunedì 24 ottobre 2011

"TORTA ALLO YOGURT CON MIELE E ZUCCHERO DI CANNA

FASE INIZIALE CON L'AGGIUNTA DEI SEGUENTI INGREDIENTI:

 YOGURT ALLA GRECA DELLA NESLè.....

 AGGIUNTA DEL MIELE DI MILLEFIORI.....

VASETTO DELLO YOGURT DA UTILIZZARE COME DOSATORE DEGLI INGREDIENTI CON LA RELATIVA MARCA DEL PRODOTTO IN USO....

AGGIUNTA DELLE UOVA E IL RESTO DEGLI INGREDIENTI: ZUCCHERO DI CANNA, OLIO, FARINA "00" E AROMI......

MONTAGGIO AVVENUTO DEGLI ALBUMI.....

RISULTATO DELL'IMPASTO DOPO 15 MINUTI DI LAVORAZIONE CON LA PLANETARIA SENZA L'AGGIUNTA DEGLI ALBUMI....


RISULTATO FINALE CON L'AGGIUNTA DELICATA DEGLI ALBUMI ALL'IMPASTO, DOPO AVERCI MESSO IL LIEVITO.... 




FASE DI COTTURA FINALE CON UNO STAMPO RETTANGOLARE GRANDE CON DOPPIA DOSE DEGLI INGREDIENTI MODIFICANDO LA RICETTA ORIGINALE FACENDO IN MODO CHE IO POTESSI RICAVARE TANTE PICCOLE FETTE RETTANGOLARI COME SE FOSSERO DEI PLUMCAKE PICCOLI DA POTERLI SURGELARE E SFRUTTARE OGNI MATTINA, COME PORZIONE SINGOLA, A COLAZIONE AL POSTO DELLE SOLITE MERENDINA CONFEZIONATE. DI SEGUITO VI TRASCRIVERò LA RICETTA BASE CHE TUTTI CONOSCIAMO CON LA  PROCEDURA DI COME DEVE ESSERE FATTA, AGGIUNGO SOLO LE MIE MODIFICHE AFFIANCO AGLI INGREDIENTI. QUINDI LE FOTO E QUANT'ALTRO SONO SOLO INDICATIVE, IL RESTO LO LASCIO A VOI CON LA VOSTRA CREATIVITà E FANTASIA DA OTTENERE QUALCOSA DI DIVERSO CON QUESTO IMPASTO DAL MOLTEPLICE USO CON L'AGGIUNTA DI INGREDIENTI ED AROMI DIVERSI, TRASFORMANDO CON STAMPI DI COTTURA LE FORME PIù SVARIATE; DAI MUFFIN ALLE CIAMBELLINE  O GLI STESSI PLUMCAKE ECC...

                                                            RICETTA.......
COSA VI SERVE:
Uno sbattitore elettrico con le fruste di buon qualità in modo che possa sostenere il tempo di lavorazione senza che lo stesso si surriscaldi, se non lo avete a disposizione usate tranquillamente una planetaria con il gancio a filo con l'accortezza di diminuire il tempo di lavorazione dell'impasto; al posto di 15 minuti dovete portarli a soli 10 minuti
Uno stampo a forma di ciambella col buco di 23 cm. di diametro e alto 7  
2 ciotole di acciaio possibilmente
Un setaccio
Una spatola di silicone per amalgamare gli albumi all'impasto
Un vasetto di yogurt vuoto 
INGREDIENTI CON LE RELATIVE MODIFICHE FATTE DA ME:
Yogurt intero un vasetto             ( due interi alla greca della Neslè)
Farina "00" tre vasetti da yogurt( sei vasetti da yogurt)
Zucchero semolato due vasetti( zucchero di canna extra fine due vasetti)
Olio di girasole un vasetto        ( un vasetto di girasole+uno di olio d'oliva)
Uova intere tre fresche              (uova sei intere fresche)
La raschiatura di un limone      (una fialetta d'aroma limone)
Lievito per dolci due cucchiaini(lievito quattro cucchiaini)
                                                       ( miele di millefiori 40 ml)
                                                       (due bustine di vanillina)
                                                       (una teglia di 39 x28x4 cm.)
                                                       (o usato la planetaria+lo sbattitore)
                                                       (temp. 150°x1 ora statico a gas)    

PROCEDURA:
In una cioltola mettete lo yogurt; prendete il vasetto vuoto, lavatelo, asciugatelo e usatelo per le misure degli ingredienti (farina, zucchero e olio). Aggiungete i rossi d'uovo e mettete in un'altra ciotola le chiare d'uovo. Mescolate l'impasto e lavoratelo con la frusta elettrica per circa 15 minuti finquando non avrete ottenuto una crema densa ma leggera e spumosa. A parte, in un'altra ciotola, montate le chiare d'uovo a neve ben ferma aggiungendole delicatamente, poco per volta, all'impasto dopo averci messo il lievito. Prendete lo stampo, imburrato ed infarinato, e versate il composto già pronto. Non vi rimane che infornare il dolce avendo in precedenza riscaldato il forno. La temperatura, durante la cottura, dovrà essere di 170°C e si protrarrà per 50 minuti. 
Per avere la conferma che il dolce è cotto, basterà introdurre nella torta un ferro da calza che dovrà uscire pulito. Questa accortezza vale per tutti i dolci in quando ogni forno ha delle caratteristiche diverse per cui sia la temperatura che la durata di cottura che io dò e indicativa perchè può variare da forno a forno( con il mio a 150xun'ora, con la teglia grande, statico a gas con gli ultimi 5 minuti ventliato, se la superficie non risulta dorata). Il nostro dolce durante la cottura crescerà splendidamente e avrà, una volta sformato, un magnifico aspetto. Con queste dosi avrete un pandolce leggero e appetitoso che avrà le caratteristiche, per la presenza dello yogurt, di conservarsi fresco per alcuni giorni purchè abbiate l'accortezza di conservarlo in una busta di cellofan......sempre che i ragazzi non se lo mangiano subito tutto. Questo dolce sarà molto adatto per la colazione del mattino o per la merenda dei ragazzi o per un the con gli amici.
"BUONA VITA A TUTTI"
   
                  
                         
                
                                        
                                                                                                            

martedì 18 ottobre 2011

"FLAN DOLCE ALL'ARANCIA"


"PREFAZIONE"
Più vado avanti nella vita e più mi rendo conto che l'essere umano sta disgregando irreparabilmente la nostra Terra  in modo irrefrenabile senza rendersi conto che è il pianeta più bello di tutta la Galassia. Non so cosa stia succedendo e cosa succederà!!!Non sono pessimista di natura, anzi sono più che ottimista tanto da credere che si riprenderà e ritornerà a farci sentire i prufumi di un tempo, le sue stagioni ormai dimezzate, la primavera e l'autunno non si avvertono più!!!Mi sento molto fortunato di essere nato nella generazione precedente a questa dove nostro signore mi a donato questa grande opportunità di nascere e vivere tutte le emozioni che madre natura ti fa sentire quando all'alzar del Sole tutta la natura si risveglia sprigionando un cocktail analcolico di profumi speziati, dall'umus del terreno, dall'odore dell'erba, dallo sbocciare dei fiori abbinato al canto meraviglioso degli uccelli con melodie diverse. Tutto questo ci veniva avvertito in anticipo, ogni mattina, che un nuovo giorno stava per nascere dal re del pollaio; il gallo, che ogni casa agricola o masseria aveva nel proprio cortile che serviva non solo per procreare ma come una vera e propria sveglia mattutina. Come faccio a dimenticare queste sensazioni??Sensazioni indelebili, profumi indimenticabili quando specialmente mi soffermavo sotto ad una pianta di gelsomino o un albero d'arancio con i suoi fiori piccoli d'arancio che emavano questa essenza odorosa che se solo li toccavi con le mani e te le passavi sul collo e il viso, ti rimaneva il profumo per diverse ore, questo era il mio profumo ecologico e che non costava niente. Ecco perché amo questo agrume, come il limone che non a niente da invidiare, anche i suoi fiori sono profumatissimi, ma prediligo di più l'arancio, difatti lo uso molto nei dolci, per questo, oggi vi propongo questo flan all'arancia che più arancia non si può, con la speranza che le nuove generazioni possano sentire i profumi di un tempo ma soprattutto di amare di più il nostro meraviglioso pianeta Terra!!!Tutto dipenderà da noi!
COSA VI SERVE:
Uno sbattitore elettrico con fruste
Uno stampo per flan da 20 cm di diametro imburrato bene  
Un setaccio
Una ciotola
Un pentolino senza coperchio 
INGREDIENTI:
150 g di burro di buona qualità
180 g di zucchero semolato
2 uova leggermente sbattute, fresche e intere
1 cucchiaino di buccia d'arancia grattugiata(o di limone a scelta)
250 g di farina autolievitante
125 ml di succo d'arancia
PER LO SCIROPPO:
La buccia intera di 1 arancia
125 ml di succo d'arancia
60 g di zucchero
PROCEDIMENTO:
Preriscaldate il forno a 180°C.
Ungete bene con il burro(che avrete lasciato ammorbidire fuori dal frigorifero, oppure con dell'olio)uno stampo per flan del diametro di 20cm.
Con uno sbattitore elettrico, mescolate il burro e lo zucchero in una ciotola capiente fino ad ottenere una crema bianca.
Aggiungete , una alla volta, le uova leggermete sbattute, continuando a mescolare con cura, e per ultimo la buccia d'arancia grattugiata.
Quando il composto sarà ben amalgamato, setacciate la farina, e unitela a cucchiaiate al composto, alternandola al succo d'arancia, sempre mescolando per evitare grumi.
Una volta ottenuta una crema vellutata, versatela nello stampo imburrato, livellando bene in superficie, e cuocete in forno per 40 minuti(accertatevi della perfetta cottura introducendo nella torta uno stecchino di legno: dovrà uscire completamente asciutto). Lasciate riposare il dolce nello stampo almeno 5 minuti prima di rovesciarlo sul piatto da portata.



Per preparare lo sciroppo d'arancia(o di limone)procedete in questo modo: tagliate la buccia dell'arancia in tante striscioline lunghe e sottili. In un pentolino scaldate a fuoco lento il succo d'arancia, lo zucchero e le striscioline; portate a ebollizione, lasciando sul fuoco fino a quando lo zucchero si sarà copletamenta sciolto. Abbassate la fiamma, e continuate a cuocere per un quarto d'ora, senza coperchio, fino a quando il liquido si sarà ridotto a circa un quarto della sua quantità iniziale.


Togliete il tegamino dal fuoco, e versate lo sciroppo bollente sulla torta calda facendo attenzione a ricoprirla dappertutto. Prima di servire potete guarnire a piacere con fettine di polpa d'arancia, ed eventualmente con della panna montata ben soda.


QUESTO è IL RISULTATO FINALE!!!!!!

"BUONA VITA A TUTTI"

sabato 15 ottobre 2011

giovedì 13 ottobre 2011

"E CORNETT E BABBà...SIENT C'ADDOR E CH PRUFUM!!!!!!"

FASE INIZIALE CON SOLO FARINA, LIEVITO E ACQUA, CON 40 MINUTI ESATTI DI POSA, COPERTO CON UN COPERCHIO, PER LA PRIMA LIEVITAZIONE.....   
FASE DI SECONDO IMPASTO CON UOVA , BURRO ECC.....
FASE DELL'UNIONE DEI DUE IMPASTI QUELLO CON IL LIEVITO E QUELLO CON LE UOVA....
FASE DI IMPASTO FINITO CON 10 MINUTI ESATTI DI LIEVITAZIONE PER POI PROCEDERE ALLA STENDITURA E FORMAZIONE DEI CORNETTI.....
FASE DI TAGLIATURA DEI CORNETTI ESEGUITA CON UN TAGLIA PIZZA....
FASE DI FORMAZIONE DEI CORNETTI...APPOGGIARLI SU DI UNA PLACCA DA FORNO COPERTA CON UN FOGLIO DI CARTA PERGAMENA PER POI FARLI LIEVITARE UN ULTIMA VOLTA PER UN'ORA E MEZZA ESATTA..... 
FASE DI LIEVITAZIONE AVVENUTA DEI CORNETTI...
FASE DI GLASSATURA CON UN ALBUME D'UOVO CON DUE CUCCHIAIA DI ZUCCHERO SEMOLATO E UNA BUSTINA DI VANILLINA...SBATTERE CON UNA FORCHETTA IL TUTTO PER POI SPENNELLARLO DELICATAMENTE  BENE CON UN PENNELLO DA PASTICCIERE SULLA LORO SUPERFICIE....
FASE DI AVVENUTA COTTURA.....

"PREFAZIONE"
UAGLIù E C'ADDOR!!!!Hahahahahahaha!!!!Era da tempo che sperimentavo un'impasto per cornetti e simili...credo di esserci riuscito..spero???Dopo vani tentativi alla fine sono venuti meglio di quando speravo. Non bisogna rassegnarsi se i tentativi riescono male...ci vuole caparbietà per arrivare all'intento voluto!!!Quello che mi ha fatto andare avanti è l'inebriante odore che emanano i cornetti quando si entra in una cornetteria e non solo...ancor prima di arrivarci per la strada si sentono ste folate ventose di vaniglia caramellata!!!!Questa e stata la mia testarddargine...mi sono sempre posto una domanda che da tempo mi affliggeva le papille olfattive: "PERCHé NON RIESCO A FARLI CON LO STESSO PROFUMO INEBRIANTE E LA STESSA SCIOGLIVOLEZZA E MORBIDEZZA CHE HANNO QUANDO SI ADDENTANO???Lascio a voi questo giudizio così mi date la riprova di quanto ho detto e anche per stimolarvi a farli con alcune precauzioni che sottolineo; come si sa..ci sono farine di forza dove ci vuole più lievito..mentre altre c'è ne vuole di meno...quindi a voi la scelta...personalmente avevo a disposizione una farina Manitoba dove ci voleva più lievito..mentre..per esempio... la ditta "LO CONTE"..fa una farina Manitoba dove c'è ne vuole la metà..sia l'una che l'altra alla fine il risultato e sempre lo stesso. Riguardando l'aroma.. ho messo una fialetta  aroma panettone della ditta "Madma"..dove contiene la vaniglia..l'arancia e il limone...se non la trovate la fate voi...mettendo una fialetta aroma arancio...1/2 di limone e due bustine di vanillina il tutto della Pane Angeli che più facile trovare.

COSA VI SERVE:
Un impastatrice o planetaria con gancio a uncino
Una ciotola capiente con coperchio
Una placca da forno
Un mattarello
Un taglia pizza
Un pennello da pasticciere
INGREDIENTI:
500 g di farina Manitoba
2 bustine di lievito di birra secco Mastro Fornaio o 1 cubetto da 25 g fresco
190 ml di acqua imbottigliata a mal'appena tiepida
80 g di zucchero semolato
100 g di burro di ottima qualità a temperatura ambiente
2 uova fresche
1 fialetta aroma panettone
1 cucchiaino di sale fino
PER LA GLASSATURA:
Un albume d'uovo
2 cucchiaia di zucchero semolato
1 bustina di vanillina
PROCEDURA:
1°IMPASTO:
Versate 300 g di farina e le 2 bustine di lievito di birra secco nella ciotola della planetaria con gancio ad uncino per impasti duri e fatela girare a vel. 1 aggiungendo 150 ml di acqua appena tiepida e impastate..se vedete che la pasta tende a non amalgamarsi aggiungete un pochettino ancora di acqua(vedete la foto...come deve venire).
Mettete a lievitare in una ciotola chiusa con il suo coperchio per 40 minuti esatti nel forno spento oppure nella cella di fermentazione senza bisogno di coprirla.
2° IMPASTO:
Mischiare 200 g di farina rimasta, lo zucchero, il burro, 2 tuorli, il sale e la fialetta con 40 ml di acqua circa nella ciotola della planetaria; unire il primo impasto( vedere foto) e  lavorare sempre alla vel. 1 per 10 minuti fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo(vedere foto).
Fate lievitare per 10 minuti esatti.
In questo frattempo organizzatevi per ottenere i "Cornetti"; stendete l'impasto sottile su un piano infarinato quel tanto che serve usando il mattarello per formare un rettangolo lungo, rifilate i contorni con il taglia pizza per riformare un'altro rettangolo più preciso questa volta( vedi foto)tagliate tanti triangoli( base cm 12 x 15) e arrotolateli su se stessi, iniziando dal lato più lungo.
Poneteli man mano che li formate sulla placca del forno foderata con carta da forno distanziati tra loro, non come ho fatto io per la fretta(vedere foto), non prima di avere spruzzato dell'acqua tra la placca e il foglio di carta da forno(mezzo bicchiere di carta).
Riempita la placca mettetela nel forno spento a lievitare per un'ora e mezza esatta.
Quindici minuti prima dell'avvenuta lievitazione togliete la placca dal forno e appoggiatela sulla cucina, accendete il forno e portatelo ad una temperatura di 180°C( forno a gas statico) preparate anche la glassatura con un albume d'uovo mischiato, bene con una forchetta, con due cucchiaia di zucchero semolato e la bustina di vanillina.
Spennellate bene e delicatamente con l'aiuto di un pennello da pasticciere la superficie di tutti i cornetti( vedere foto).
Non vi resta che infornare alla temperatura impostata per dieci minuti circa.
Se vedete che la superficie non si è dorata abbastanza, spegnete il forno e date una botta di grill. 
N.B.: Gli sfridi che rimangono li dovete amalgamare e ristendere per formare altri cornetti. State attente nella cottura ogni forno a le sue caratteristiche
"BUONA VITA A TUTTI"

mercoledì 12 ottobre 2011

domenica 9 ottobre 2011

"FAGOTTI"


FASE DI LAVORAZIONE DELL'IMPASTO...

                              
FASE DI TAGLIATURA E CHIUSURA PER FORMARE I FAGOTTI...
 

FASE DI COTTURA FINALE CON FORME DIVERSE...

"PREFAZIONE"
Cari miei follower che mi seguite, questa ricetta già lo postata tempo fa dedicandola alla mia amica Titina con il titolo:"A BRIOSC E TITIN" sotto l'etichetta "DOLCI LIEVITATI". Dovete solo seguire la ricetta tal quale apportando qualche piccola modifica;
1) nella crema pasticcera, dovete aggiungere solo 20 gr in più di farina, al posto di 160 gr devono essere 180 gr, poi riguardando il tempo di lievitazione potete fare in due modi.
2) dopo aver impastato lo fate lievitare per tutta la notte in una ciotola con il coperchio ben chiuso se no trabocca fuori l'impasto, questo già descritto nella ricetta.
3) se non volete perdere tempo fate come al solito, cioè dopo avere impastato mettetelo a lievitare fino al raddoppio, prelevatelo ed stendetelo in una forma rettangolare per ricavare i fagotti e farcirli, poi metteli su di una piastra coperta di carta da forno e fateli lievitare per un minimo di un'ora, più gonfi saranno meglio sarà la loro cottura e sapore.
4) vi consiglio nella cottura di portare la temperatura del forno a 180°C, appena infornati chiudete lo sportello aspettate qualche minuto per poi abbassarla a 160°C e continuate così fino a cottura e doratura.
5) al posto di spennellarli con l'uovo intero battuto e distribuire sopra zucchero in grani, potete spennellare con solo acqua e distribuire sopra zucchero semolato...OKEY???. Come da me descritto nella ricetta, con questo impasto si possono fare tante cose, dal cornetto, che posterò più in la, al fagotto, da me proposto in questa occasione con le foto che sono solo indicative, alle brioche col tuppo e così via....Una volta fatto l'impasto, capirete la sua capacità di utilizzo nel manipolarlo lasciando a voi aperta la fantasia nel creare qualcosa di nuovo con la sicurezza di non fare brutta figura per chi lo degusterà assaporando una pasta dal gusto nuovo. Grazie a tutti di vero cuore che mi seguite con tanto affetto da sempre.
N:B: per ottenere un ottimo risultato usate la farina è il burro descritto.
"BUONA VITA A TUTTI"  

domenica 2 ottobre 2011

"TORTA ALLA NUTELLA E PANNA"



FASE DI LAVORAZIONE DI OLIO, LATTE, ZUCCHERO, UOVA E FARINA, COME SI Può VEDERE L'IMPASTO E COME UNA CREMA SEMILIQUIDA.... 



FASE DI AGGIUNTA DI CACAO, VANILLINA E LIEVITO, COME SI NOTA L'IMPASTO DIVENTA UN PO' Più DENSO...




FASE DI COTTURA AVVENUTA....



FASE DI AVVENUTA MONTATURA DELLA PANNA....



FASE DI ASSEMBLAGGIO DELLA TORTA...PRIMA SI BAGNA CON IL CAFFè POI SI FA UNO STRATO DI NUTELLA E SOPRA DI ESSA..UNO DI PANNA MONTATA..SI CHIUDE CON L'ALTRO STRATO DI TORTA BAGNATO E SI CONCLUDE CON LA NUTELLA STENDENDOLA SU TUTTA LA SUPERFICIE E I LATI DI ESSA....   


FASE DI DECORAZIONE FINALE..SEMPLICE E AFFRETTATA.. AVVENUTA CON UN TOCCO DI PANNA.....




FASE DI GODURIA TOTALE CON TAGLIO DELLA TORTA E FETTONA SU RICHIESTA IMMINENTE DA PARTE DI CHI????NATURALMENTE DA PARTE DI MIA MOGLIE MEGHY!!!!!!

"PREFAZIONE"
A gentile richiesta di un gruppo di amiche a me care e cito anche i loro nomi: Patrizia, Paola, Monica, Tiziana, Delia, Angela, Stefania e Paola mia cognata, le saluto con affetto prima di trascrivere di seguito questa ricetta che ricorda la famosa merenda della "Kinder Pinguì", di facile esecuzione, gradita dai piccoli e dai grandi buongustai del cioccolato e chi meglio di queste mie amiche, cioccolose dipendenti, possono capire la goduriosità del cioccolato???Mia moglie Meghy!!!Hahahahahahaha!!!Non sia mai..e chi a sent...state certe mie amiche che voi tutte messe insieme contro mia moglie non la battete a mangiare la nutella o cioccolato in genere..la conoscete bene!!!Pensate che un barattolo di nutella da 5 kg lo fa fuori in mezza giornata e quando gli domando: "CARA A NUTELL CH FIN A FATT??Lei mi risponde con serenità di fatto senza batter ciglia dicendomi: "CARO..A NUTELL NON LO PROPRIO ASSAGGIATA!!! "Mammamiabellrocarmn..ma comm si fa a dire che non la proprio toccata se dentro casa sta esse e o barattolo sulament???Secondo voi io come dovrei risponderle??Semplicemente dicendole:"CARA..ALLOR E STATO O' MAMMON???" Hahahahahahahah!!!!La perdono per il fatto che chi è cioccolato dipendente si diventa bugiarde, ingorde e gelose del proprio cioccolato..nisciun l'adda tuccà!!!!AZ!!!ANCORA LO DOVEVATE CAPIRE????GESù GESù...ISSANA TUCCà A CIUCCULAT E MARGARIT???NON SIA MAI!!!Mi raccomando, care amiche, quando fate sta torta non invitatela, se no va a finire che non l'assaggiate perché di sicuro..."SA MAGN TUTTA QUANT ESS!!!Hahahahahahahahaha!!!!UN BACIONE E UN ABBRACCIO A TUTTE VOI CON AFFETTO E STIMA DA PARTE MIA...RICORDANDOVI CHE PER QUALSIASI COSA O PER ALTRE RICHIESTE SONO A VOSTRA COMPLETA DISPOSIZIONE SENZA ESITARE CHIEDETEMI PURE...VI ASPETTO!!!!
                                                            "RICETTA"
COSA VI SERVE:
Uno sbattitore elettrico con fruste a filo
Una ciotola capiente d'acciaio..possibilmente
Uno stampo rotondo di 30 cm di diametro solo imburrato 
Una frusta a mano
Un setaccio
INGREDIENTI:
Per facilitare le dosi procuratevi un bicchiere di plastica usa e getta:
1 bicchiere di latte intero fresco
1 bicchiere di olio di girasole
2 bicchieri di zucchero semolato
2 1/2 di farina "00"
4 uova fresche intere
75 gr di cacao amaro in polvere della Perugina
2 bustine di vanillina della Pane Angeli
1 bustina di lievito per dolci della Pane Angeli
Un pizzico di sale fino
1/2 litro di panna Hoplà o Hullalà
750 gr di Nutella
2 macchinette di caffè Hag decaffeinato da tre tazze con poco zucchero di canna fatto ben stretto senza bruciarlo
PREPARAZIONE:
Preriscaldate il forno a 160°C statico a gas.
Imburrate lo stampo. 
In una ciotola versate il latte, l'olio, lo zucchero, la farina setacciata e le uova intere. Sbattete con lo sbattitore elettrico per cinque minuti questo primo impasto sempre alla stessa velocità che imposterete senza cambiare.
Fatto questo aggiungete, il cacao setacciato, in un paio di volte mescolando e sbattendo bene con decisione con una frusta a mano dopo ogni aggiunta cercando di non far formare dei grumi, aggiungete dopo che il cacao si sia amalgamato bene anche la vanillina e il sale e infine il lievito setacciato.
Appena il lievito si è assorbito travasate il tutto nello stampo non prima di aver sbattuto lo stampo sul tavolo un paio di volte per togliere eventuali bolle d'aria.
Infornate per 40 minuti alla temperatura prescritta.
Fate la prova del ferro da calza per verificare se la torta e cotta se non lo fosse continuate per altri 5-10 minuti.
A cottura ultimata lasciatela ancora per 5 minuti nel forno, sformatela e lasciatela raffreddare del tutto su di una gratella.
Nel frattempo che si raffreddi la torta, montate la panna e mettetela in frigo a riposare, mettete il barattolo di Nutella in un recipiente con dell'acqua calda questo vi servirà per stenderla più facilmente fino al momento di adoperarla.
Raffreddata la torta dividetela in due orizzontalmente e bagnate le due metà con il caffè che avete preparato.
Appoggiate una metà su di un vassoio da portata e stendete sopra, con l'aiuto di un cucchiaio, 400 gr di nutella calda mantenendovi a mezzo cm. dal bordo.
Mettete in frigo per 5 minuti quel tanto che basti per far solidificare la nutella.
Togliete dal frigo sia la mezza torta che la panna la quale va stesa nel medesimo modo della nutella conservandone una quantità tale per la decorazione.
Non vi resta che richiudere con l'altra metà di torta bagnata e stendete la rimanente nutella calda su tutta la superficie e i lati della torta sempre con l'aiuto del cucchiaio senza perfezionarla troppo, rimettetela in frigo per rassodare la nutella. 
Per finire decoratela con la panna rimasta nel modo che più vi aggrada, ma se volete potete anche non farlo rimanendola tal quale.
Prima di servire mettetela in frigo per almeno 2 ore, il gusto migliorerà parola di Babbà!!!
N.B.: care amiche nella fretta mi sono dimenticato di sottolieneare alcune cose; questa torta a un solo difetto, se così si può dire, bisogna stare attente nella fase di cottura tende ad attaccarsi al fondo dello stampo, quindi con il mio forno che è nuovo la devo cuocere con la temperatura sopra citata a 160°C, quando invece la sua cottura andrebbe a 180°C, anche perchè ho fatto una torta di 28 cm di diametro rotonda, mentre invece bisognerebbe farla rettangolare e bassa, come se fosse una grossa fette di Kinder Pinguì, facendo così non si dovrebbe attaccare, comunque state sempre attente nella cottura. Quindi le mie foto sono solo indicative. Se invece vi viene voglia di farla rotonda, come nella foto, basta abbassare la temperaura per farla cuocere adagio e quando la taglierete fatene tre strati al posto di due, non come ho fatto, ovviamente dovete aumentare le dosi di nutella,  panna e caffè per la bagna. Spero di essere stato esaudiente, grazie e scusatemi.     
  "BUONA VITA A TUTTI" 

P.S: QUESTA è LA VERSIONE RETTANGOLARE , COME VEDETE DA L'EFFETTO DI UNA FETTA DELLA "KINDER PINGUì", NON L'HO DECORATA PERCHè GLI AMICI CHE L'HANNO RICHIESTA LA VOLEVANO COSì, CHE SEMBRASSE UNA FETTONA GRANDE, ANCHE SE UNA BELLA COLATURA DI CIOCCOLATO FONDENTE SOPRA ERA L'IDEALE, COSì SI VEDE L'INTERNO, SE FACEVO LA COLATURA LA DOVEVO TAGLIARE PER FAR VEDERE A VOI L'INTERNO, MA POICHè LA DOVEVO REGALARE, NON ERA L'IDEA GIUSTA. LASCIO A VOI COME SEMPRE CON LA VOSTRA FANTASIA IL MIGLIOR MODO PER DECORARLA. LA DOSE è LA STESSA CAMBIA SOLO LO STAMPO, LE MISURE SONO 33X22X4, COME VEDETE DEVE VENIRE BASSA, IN QUESTO CASO FATE ATTENZIONE QUANDO LA TAGLIATE SI PUò ROMPERE FACILMENTE. PENSO CHE QUESTA è UNA DELLE TORTE PIù GODURIOSE CHE CI SONO IN CIRCOLAZIONE E ANCHE LA BASE PER CREARE ALTRE TORTE TIPO COMPLEANNO ECC...BUONA LIBIDIDE!!!!PAROLA DI BABBà!!!PROVARE PER CREDERE!!!!!!